Regione Veneto

Decalogo Antitruffa "Invecchiare facendo inte(g)razione sociale over 65"

Pubblicato il 1 luglio 2020 • Sociale

L'importante "Decalogo Antitruffa", frutto del progetto di promozione e valorizzazione dell'invecchiamento attivo "Invecchiare facendo inte(g)razione over65" contiene molte importanti linee guida per anziani e non, per proteggersi da truffe e raggiri.

Il Decalogo nasce anche dall'incontro tenutosi nel novembre scorso con la partecipazione del Comandante della Stazione e del Comandante della Compagnia dei Carabinieri di Este, sul tema attuale e sentito delle frodi e truffe di cui sono vittime soprattutto le persone anziane. Il Decalogo vuole essere uno strumento alla portata di tutti per difendersi da questa insidia

Si ringraziano tutti i partner che hanno collaborato all'iniziativa, in particolare International Online University.

DECALOGO ANTITRUFFA:

1. È fondamentale riflettere prima di aprire la porta a una persona sconosciuta, anche se dichiara di essere dipendente di un’azienda di pubblica utilità o indossa un’uniforme. È opportuno innanzitutto richiedere la verifica dell’identità tramite documento e tesserino aziendale. In caso di esito negativo della verifica, non aprire per nessun motivo e avvertire immediatamente il 112.
2. Tenere sempre a mente che nessun Ente o Azienda Pubblica incarica il proprio personale di andare a domicilio per il pagamento di bollette, per rimborsi o per sostituire banconote false che vi sono state consegnate erroneamente.
3. Se possibile, sarebbe preferibile essere accompagnati da qualcuno di fiducia per effettuare prelievi, versamenti in banca o in ufficio postale, specialmente nei giorni di pagamento della pensione o in quelli di scadenze generalizzate.
4. Nel percorrere il tragitto di andata e ritorno dalla banca o dall’ufficio postale, soprattutto nel caso in cui si stiano trasportando grosse somme di denaro, è opportuno non fermarsi con sconosciuti o farsi distrarre. È preferibile camminare contromano rispetto al senso di marcia e portare eventuali borse a sinistra, dalla parte del muro, stringendole a sé. È meglio evitare strade solitarie o effettuare soste in luoghi appartati.
5. Se sorge il dubbio di essere osservati, è opportuno fermare qualche altro passante oppure entrare in un luogo frequentato e rivolgersi agli impiegati o al personale della sicurezza.
6. Per non incorrere nel rischio di subire borseggi è importante prestare attenzione alle persone che vi fermano per strada, anche con qualche scusa plausibile, come la richiesta dell’ora. I borseggiatori potrebbero fermarvi improvvisando finte liti o finti malori. È importante non estrarre in nessun caso il portafoglio mentre si è per strada ed è preferibile non posizionarlo nella tasca posteriore. È opportuno prestare attenzione a chi vi urta in fila davanti a uno sportello, nei mezzi pubblici o per strada.
7. Prestare massima attenzione quando si utilizzano i bancomat. È preferibile evitare di eseguire qualsiasi operazione nel caso si pensi di essere osservati.
8. È preferibile, prima di firmare qualsiasi documento sia in casa o per strada, farlo esaminare da persone fidate. È opportuno riflettere sempre con calma su qualsiasi proposta fatta da uno sconosciuto. In ogni caso, è consigliabile diffidare da facili e immediati guadagni, catene di Sant’Antonio o prodotti miracolosi.
9. È consigliabile non tenere troppo denaro contante in casa e preferire la possibilità di aprire un conto corrente per farsi accreditare la pensione. In questo modo non si è sempre costretti a recarsi in posta per riceverla. Inoltre, se possibile, sarebbe meglio evitare il più possibile di trasportare grosse somme di denaro in contanti.
10. Per qualsiasi dubbio, timore o problema rivolgersi a persone fidate o alle forze dell’ordine al numero 112.

Decalogo Antitruffa

Allegato 541.00 KB formato pdf
Scarica