Regione Veneto

Decreto Legge 1 aprile 2021: proroga, fino al 30 aprile 2021, delle disposizioni del decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 2 marzo 2021.

Pubblicato il 2 aprile 2021 • Coronavirus , Emergenza

In data 1 aprile 2021, il Consiglio dei Ministri ha approvato un nuovo Decreto Legge in materia di contenimento del contagio da Covid19 sul territorio nazionale.

Il Decreto proroga le disposizioni del DCPM dello scorso 2 marzo fino al 30 aprile 2021.

Il Decreto Legge, in vigore dal 7 aprile, sancisce l’assenza di zone gialle su tutto il territorio nazionale.

In caso di un’incidenza di contagi maggiore a 250 ogni 100mila abitanti, si attiveranno le misure attuate in zona rossa

Vi sarà la possibilità, nella zona arancione, di un solo spostamento giornaliero verso una sola abitazione privata (visita ad amici e parenti) all’interno del Comune, mentre questa possibilità rimane vietata per la zona rossa.

Scuola

Il provvedimento dispone che dal 7 al 30 aprile 2021 sia assicurata, a livello nazionale, la didattica in presenza dei servizi educativi per l’infanzia, la scuola primaria e il primo anno della scuola secondaria di primo grado. Per i successivi gradi di istruzione, invece, le attività proseguiranno in modalità a distanza. In zona rossa, sarà possibile lo svolgimento delle lezioni in presenza per il 50% degli studenti. Resta garantita la possibilità di svolgere attività in presenza per gli alunni con disabilità o bisogni educativi speciali.

Obbligo vaccinale per il personale sanitario

Il Decreto Legge punta ad assicurare l’assolvimento dell’obbligo vaccinale da parte del personale medico e sanitario, prevedendo adeguate misure in caso di inottemperanza, come l’assegnazione a diverse mansioni o la sospensione della retribuzione.

Concorsi pubblici

Per quanto riguarda i concorsi pubblici, sarà consentita una sola prova scritta e una orale. Si prevedono inoltre modalità ulteriormente semplificate per i concorsi relativi al periodo dell’emergenza sanitaria Dal 3 maggio 2021 i concorsi potranno riprendere in presenza, nel rispetto delle linee guida per la sicurezza.