Regione Veneto

LAVORI ALLA CHIESA DELLA BEATA VERGINE DELLA SALUTE

Pubblicato il 3 aprile 2020 • Comune

Sarà sistemato il tetto, controllato il microclima interno e monitorati i parametri di umitià e temperatura per preservare il patrimonio pittorico collocato all’interno della chiesa.

Continua l’attività di programmazione dei lavori sul patrimonio pubblico della Città, nonostante lo stop forzoso a causa della problematica Coronavirus.

La Chiesa della Salute sarà interessata a breve dalla manutenzione straordinaria del tetto e da un controllo interno del microclima. In questi giorni, infatti, è stato pubblicato l’invito a presentare una offerta economica alle ditte che avevano manifestato l’interesse all’esecuzione dei lavori.

«Siamo soddisfatti, come Amministrazione Comunale, perché nonostante i disagi e le difficoltà oggettive siamo riusciti a pubblicare questa gara per essere pronti all’esecuzione dei lavori non appena possibile – afferma l’assessore ai LLPP Paolo Rosin -. Il progetto in questione, di complessivi 98.800 euro, è stato sostenuto per circa 49.400 euro dalla Fondazione Cariparo, che ringraziamo, a seguito di un bando promosso per interventi sul patrimonio storico religioso. Trenta le domande arrivate al Comune, come manifestazione di interesse per l’esecuzione dei lavori, nella categoria OG2 dedicata al restauro, segno che le ditte sono comunque attente e vogliono partecipare nonostante il momentaneo stop imposto dai Decreti Ministeriali».

Le 30 ditte ora dovranno partecipare alla gara telematica indetta sul MEPA, il mercato elettronico della Pubblica Amministrazione. «Abbiamo deciso di invitarli tutti – continua Rosin – anche se potevamo limitarci a 15 soggetti con una estrazione. Complice le procedure in smart working, che non ci permettevano fisicamente di effettuare l’estrazione, e la volontà di dare un segnale positivo a tutti i richiedenti, aspettiamo fiduciosi il deposito delle offerte e poi l’inizio dei lavori. Saranno oggetto di appalto le sistemazioni delle coperture della Chiesa con tutte le lattonerie, escluso il corpo della sacrestia, che verrà affrontato con un secondo stralcio; oltre al controllo del microclima interno, sono previsti anche l’installazione di data-logger che consentono di monitorare parametri quali umidità e temperatura nel tempo e quindi ci forniranno indicazioni utili per valutare, se del caso, il migliore sistema per climatizzare l’ambiente interno della Chiesa».

Dopo un attento restauro, da quattro mesi è stata riposizionata la grande tela di Antonio Zanchi, La Presentazione della Vergine al tempio, prima opera del ciclo mariano, firmata e datata 1700, che occupa tutte le pareti della Chiesa della Salute. Chi visita la Chiesa si ritrova, infatti, in una vera e propria pinacoteca del primo ‘700: un patrimonio artistico-religioso da proteggere e valorizzare.